La guida di

MONTEROSSO

• Montale •

IL LUNGOMARE
LE SAGRE

Nel Golfo dei Poeti soggiornarono i poeti inglesi Byron e Shelley. In tempi più recenti un altro poeta, questa volta italiano, Eugenio Montale, premio Nobel per la letteratura, trascorse buona parte della sua infanzia e molte estati nell’ età adulta sui lidi di Monterosso. Così nel 1921 Eugenio Montale raccontava ne “I Limoni” la bellezza della natura di Monterosso.
«(..) per miracolo tace la guerra, 
qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza 
ed è l’odore dei limoni. (..)»
I suoi genitori possedevano una villa liberty che lui chiamava la Pagoda giallognola o Villa delle due palme, oggi purtroppo non visitabile in quanto di proprietà privata. Da visitare è anche il cimitero, nel borgo vecchio del paese, con la tomba di famiglia che Montale nomina spesso nelle sue poesie. 
Montale lasciò nei suoi versi tracce di questa esperienza, tracce che vanno rivissute direttamente nei luoghi stessi in cui l’animo del poeta fu scosso dal mondo esterno. Le poesie più legate a Monterosso (e alle Cinque Terre) sono quelle della raccolta “Ossi di seppia”, tra cui I Limoni, La casa dei doganieri, Punta del Mesco. Bisogna venire a Monterosso e rileggere le poesie di Montale. Venire qui con un piccolo libro fra le mani, sedersi in un angolo tranquillo che conservi ancora il fascino poetico e immergersi nella lettura fra l’asprezza della terra ligure e la chiarezza del suo mare.

2020  Copyright Baico di Faravelli Davide - Via Roma 35, 19016 Monterosso al Mare (sp) - CF: FRVDVD84S03C621N - PI: 01411840117

Email:  info@baico5terre.com - Phone : +393491872937

Privacy - Termini di uso

Terms of Use (English)